I colori RGB e CMYK

Aggiornato il

Le terne di colori RGB e CMY

Fig. 1: Le terne RGB (sintesi additiva) e quella CMY (sintesi sottrattiva)

La distinzione tra le terne di colori RGB e CMY

La terna di colori RGB (acronimo di Red = rosso, Green = verde, Blue = blu) è detta terna additiva: dalla somma o sovrapposizione dei tre colori risulta infatti il colore bianco, mentre dalla loro assenza ha origine il nero. Al contrario, la terna CMY (acronimo di Ciano, Magenta, Yellow = giallo), composta dai complementari dei colori RGB, è detta terna sottrattiva: la somma dei tre colori genera il nero, mentre l’assenza produce il bianco (Fig. 1).

Due colori si dicono complementari quando sommati (o sovrapposti) danno un risultato acromatico: cioè bianco o variazioni di grigio. I colori CMY sono complementari di quelli RGB poiché sono ottenuti sommando due a due tale terna: Giallo = Verde + Rosso, Magenta = Rosso + Blu, Ciano = Verde + Blu.

Il famoso “cerchio” dello scienziato e poeta J. Wolfgang von Goethe, colui che ha scritto il saggio “La teoria dei colori“, riassume il legame che esiste tra le due terne complementari RGB e CMY (Fig. 2).

Il cerchio di Goethe

Fig. 2: Il cerchio di Goethe (1810)

La quadricromia CMYK in stampa e in pittura

Usare in stampa e in pittura la terna CMY (ciano, magenta, giallo) al posto di quella RGB (rosso, verde, blu), utilizzata invece negli schermi del computer, è solo una questione di praticità: il bianco, ovvero il colore prevalente in stampa e pittura (essendo bianco lo sfondo del foglio) è ottenuto in questo caso con l’assenza di colore (e di conseguenza attraverso zero spreco di inchiostro). Per ottenerlo con la terna RGB (dove il bianco corrisponde alla somma dei tre colori) verrebbero sprecate tutte e tre le cartucce assieme.

Alla terna CMY in stampa si aggiunge il nero (K) per un’altra ragione pratica: sarebbe oneroso senza di esso (sempre a livello di inchiostro) ottenere effetti di chiaro-scuro, tonalità e saturazione, nonché lo stesso colore nero (non a caso la nostra stampante, quando la cartuccia nera si esaurisce, ci avvisa di sostiuirla o di mischiare le altre tre).

La lettera “K” della serie “CMYK” deriva dalla dicitura “Key black”, nome che ha origine dal sistema di stampa di tipo CTP (Computer To Plate: ogni sistema di stampa che utilizza la quadricromia CMYK). La maggior parte della gente è erroneamente portata a pensare che non potendo utilizzare la prima lettera “B” di “black” per indicare il colore nero (per non confonderlo con la lettera “B” di “Blue”, già utilizzata per esprimere la terna RGB), si sia scelto di ricorrere all’ultima lettera del nome, cioè la “K”. Ma non è così.

Nelle arti figurative, come la pittura, esiste anche un’altra ragione per preferire la terna CMY: è comodo infatti partire da essa poiché contiene in partenza il giallo. Ottenerlo sia con la sintesi additiva sia con quella sottrattiva dei pigmenti è un procedimento non sempre possibile, dato che per questo particolare colore entra in gioco anche il fattore luminosità: rosso + verde può dare il giallo, ma se la superficie è poco riflettente l’occhio dell’osservatore può percepire al suo posto un effetto di “marrone”.

Il daltonismo

Il daltonismo è una patologia che deriva dal nome del chimico inglese John Dalton (1766-1844), che circa due secoli fa si rese conto di non riuscire a distinguere alcune sostanze di laboratorio in base alla loro colorazione, mentre ai suoi collaboratori il problema non si verificava: trovava difficoltà a distinguere in particolare una sostanza verde da una rossa (questa, che è la forma più comune di daltonismo, colpisce circa l’8% degli uomini e lo 0,4% delle donne).

La causa è presto spiegata e dimostrata grazie alla teoria di Young: le persone affette da queste patologie mancano di uno dei 3 coni fotorecettori dell’occhio, quello sensibile al rosso (protanopia: dal greco protos = primo, a = senza, opia = visione) o quello sensibile al verde (deuteranopia: dal greco deuter = secondo), il secondo caso molto più frequente. In entrambe le situazioni, colori rossi e verdi mandano al cervello triplette identiche, ed esso non riesce a distinguerli. E’ molto raro, ma può verificarsi anche la tritanopia: patologia derivata dalla mancanza del cono sensibile al blu. Ancora più raro è il caso in cui manchino due tipi di coni contemporaneamente: sembra incredibile, ma ci sono circa 3 persone su 1000 che essendo affette da questa mancanza vedono il mondo quasi in bianco e nero!

Le forme più comuni di daltonismo tuttavia sono quelle che prevedono la presenza di tutti e 3 i tipi di coni, ma uno di questi possiede dei difetti (di solito quello sensibile al verde). Attraverso uno strumento chiamato anomaloscopio è possibile scoprire se abbiamo qualche difetto visivo di tipo daltonico.

I colori dei semafori

Perché i semafori sono proprio verdi e rossi se alcune persone hanno difficoltà a distinguere questi due colori? Non c’è un motivo, si tratta proprio di una scelta infelice: per sopperire a questa convenzione, spesso si costruisce il faro rosso più grande e si pone sempre nella parte alta dello strumento.

Bibliografia utile: Andrea Frova, “Luce, colore e visione“, Ed. (BUR Biblioteca Univ. Rizzoli).

di Mattia Frigeri

COMMENTI

  • Salve, vedo che in rete c’è molta incompetenza tra (come quella di Photoshop) opinioni di come convertire file da RGB in CMYK.
    La ragione di questa incompetenza è che ci siamo dimenticati di una figura come il “cromista”, io sono un cromista e lavoro nel campo della prestampa da 40 anni, ho un mio sistema di conversione e chiunque può mandarmi un proprio file, lo converto (GRATIS) in modo che potete constatare la differenza tra la conversione mia e quella di Photoshop.

    Provare per credere, saluti
    Bruno

    • Salve Bruno,

      è bello sapere che a qualcuno ancora piace mettere sul piatto la propria esperienza senza fini di lucro, ma non ho ben compreso se la sua è anche velatamente una critica, oppure semplicemente un’osservazione all’articolo in questione. Sarebbe interessante conoscere la sua opinione a riguardo. Saluti.

    • Ciao, volevo sapere come realizzare il colore RAL 1013 per le mie pareti di casa. Con il codice CMY devo miscelare le parti, ma il dubbio è: i valori del codice sono in percentuale? Cioè, se ho per il RAL 1013 questo codice (mi pare sia 0 10 20), sta per 0% 10% 20%?

  • Vorrei sapere il criterio di composizione dei colori RAL, utilizzando la mescolanza CMYK.
    In particolare non sono riuscita a capire le differenze tra i vari bianchi RAL:
    RAL9001 – RAL9002 – RAL9003 – RAL9010 – RAL9016 – RAL9018, pertanto speravo di ricorrere alla composizione x capire la dominante (seppure minima) di un colore rispetto ad un altro.
    Spero possiate aiutarmi, nn sono riuscita a trovare alcun sito, oltre questo, che ne parli. Grazie anticipatamente, Angela Argento

    • Salve Angela, dia un occhio a questa pagina: cliccando su una combinazione RAL (in fondo trova anche quelle elencate da lei) aprirà una scheda con quel colore “tradotto” negli altri metodi di composizione. Spero possa esserle d’aiuto!
      Saluti.

  • il problema sono io!! Non riesco a capire come poi devono essere mescolati i colori primari per creare un RAL. Ipotizzando che io ho da creare 1 kg di colore… Quanto poi me ne serve di Cyan se mi dice 60 % o di nero se mi dice 60%.al paese mio 60 e 60 fa 120%!!
    Scusate la ignoranza